Scegli l’assicurazione auto giusta per te!

Scegli l’assicurazione auto giusta per te!

Per scegliere il tipo di assicurazione auto più vicina alle proprie esigenze e ai propri desideri, oltre alle caratteristiche del veicolo, molto importanti sono le caratteristiche del conducente e dell’assicurato.

Il tipo di guida, l’età, il luogo di residenza vengono infatti associati a delle statistiche di propensione al rischio, che fanno aumentare o diminuire il premio della polizza.

Vediamo nel dettaglio quali sono i dati relativi al conducente che incidono sul costo dell’assicurazione auto:

Persona fisica o persona giuridica

Indica se l’assicurato è una persona fisica od una persona giuridica. Solitamente al secondo caso è associato un premio assicurativo maggiore perché maggiore è, statisticamente, il numero di km percorsi.

Residenza

Indica la provincia, il comune ed il CAP dell’assicurato. Questo è un dato che incide in maniera molto importante sul costo dell’assicurazione, perché ad alcune zone è associato un rischio nettamente superiore di provocare incidenti.

Composizione del nucleo familiare e professione

Indica da quante persone è composto il nucleo familiare dell’assicurato e che tipo di professione egli svolge. E’ statisticamente provato che i conducenti con figli minorenni adottino una guida più prudente, dunque in questi casi il premio da corrispondere alla compagnia assicurativa sarà inferiore.

Data di nascita ed anno di patente

Indica quando è nato il conducente e da quanti anni è un automobilista. Si tratta questo di un dato molto importante, perché ad automobilisti maturi è generalmente associata una maggiore esperienza alla guida e, quindi, una minore possibilità di provocare sinistri.

Guida Libera

Questa è la formula che consente maggior libertà di utilizzo: il proprietario dell’auto potrà far guidare l’auto a qualsiasi altro soggetto voglia e essere sempre coperto dall’assicurazione di Responsabilità Civile. Il fatto che alla guida del veicolo possano esserci persone poco esperte secondo i canoni assicurativi, comporta un maggior rischio assicurativo che inciderà sul prezzo finale della polizza.

Quando è bene scegliere la guida libera?

Questa è la formula adatta a chi non vuole restrizioni sui conducenti, né sull’età né sull’esperienza inoltre, chi sceglie la guida libera deve essere ben consapevole che rispetto alle altre formule, questa è potrebbe far salire il prezzo finale della polizza maggiormente.

Guida Esperta

La guida esperta è una formula che prevede che la vettura sia guidata solo da persone “esperte, quindi che hanno maturato una certa esperienza alla guida e che si presuppone debbano rientrate in una certa fascia di età. In questo caso, si consiglia di leggere attentamente il fascicolo informativo perché la fascia di età minima può cambiare da compagnia a compagnia.

Quando è bene scegliere la guida esperta?

Questa è la formula ideale se sai che la tua auto verrà guidata, oltre che da te anche da altre persone, come parenti che hanno maturato esperienza alla guida e che hanno un’età minima non inferiore a quella indicata nel fascicolo informativo.

Guida Esclusiva

Si parla di guida esclusiva quando l’auto può essere guidata da un unico conducente e da nessun altro. In questo caso il vantaggio economico sul premio assicurativo potrà essere davvero rilevante.

Nel campo assicurativo minor rischio significa maggior risparmio per il contraente, ovviamente bisogna tenere presente l’età e l’esperienza alla guida del conducente. Se a chiedere la guida esclusiva è un soggetto neopatentato il risparmio che si potrà ottenere sarà molto ridotto, questo perché alla guida ci sarà sempre un soggetto poco esperto e quindi con un alto rischio di incorrere in un incidente.

Quando è bene scegliere la guida esclusiva?

Si consiglia di scegliere la formula di guida esclusiva solo se siete sicuri che l’auto verrà guidata unicamente da voi. In caso di sinistro, infatti, se la Compagnia dovesse sostenere le spese per un sinistro causato da un guidatore diverso da quello autorizzato dal contratto, potrà avvalersi del diritto di rivalsa e farvi pagare parte del danno o nel peggiore dei casi applicare una rivalsa totale e quindi chiedervi indietro la somma totale del sinistro liquidato.

Dunque scegliete con attenzione, valutando sia il risparmio ma in primo luogo le vostre abitudini nell’utilizzo dell’auto da assicurare.

Info sull'autore

Natalino administrator

Mi chiamo Natalino Esposito, ho 33 anni e svolgo l’attività di consulente assicurativo da ben 15 anni.

Commenta