4 consigli per risparmiare sulla polizza RC Auto

4 consigli per risparmiare sulla polizza RC Auto

Risparmiare sulla propria polizza auto non significa andare a caccia della compagnia che offre il premio più basso in assoluto, ma significa avere un quadro ben chiaro delle proprie esigenze, dei rischi ai quali si è continuamente esposti e capire da quali si ci vuole coprire con idonea assicurazione, cercando di pagare il giusto premio.

Non è saggio pagare troppo, ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si perde un po' di denaro e basta, ma se si paga troppo poco si rischia di perdere tutto, perché la cosa comperata potrebbe non essere all'altezza delle proprie esigenze. La legge dell'equilibrio negli scambi non consente di pagare poco e di ricevere molto: è assurdo. Se si tratta col più basso offerente sarà prudente aggiungere qualche cosa per il rischio che si corre ma, se si fa questo, si avrà abbastanza per acquistare qualcosa di meglio.

(John Ruskin)

Quindi se veramente desideri ottenere il miglior prezzo per la tua polizza Rc Auto devi tenere bene in mente queste 4 regole:

1. Scegli bene il tuo intermediario Assicurativo

Ogni polizza ha un intermediario, vuoi che sia un comparatore online o una persona in carne e ossa, parliamo sempre di intermediario assicurativo. E, a tal proposito, ricorda che “Fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio”.

Riconoscere un valido intermediario assicurativo è importantissimo: occorre che il professionista si attenga a scrupolose regole (vedi parte III del regolamento ISVAP n° 5/2006 che mette in atto alcuni articoli del codice delle assicurazioni) che disciplinano l’attività assicurativa.

A garantire gli standard della professione è l’iscrizione al Registro Unico che avviene solo a seguito del superamento di un esame finalizzato a valutare la conoscenza degli aspetti tecnici, economici e giuridici relativa a tale attività. Quindi per valutare l’affidabilità di un intermediario, accedi al pubblico registro consultabile sul sito dell’IVASS (Istituto di vigilanza sulle Assicurazioni) e accertati che tale intermediario sia iscritto al RUI.

2. Valuta la compagnia Assicurativa

Prima della stipula di un contratto assicurativo RCA è bene considerare che, ormai da anni, le tariffe sono gestite liberamente da ogni singola compagnia. Quindi, è conveniente informarsi sul costo dei premi assicurativi ma ancor di più sull’affidabilità della compagnia. Devi accertarti che la compagnia sia esistente, abbia una sede legale nel territorio e che sia solida dal punto di vista economico.

Per essere certi che la compagnia di assicurazione sia in regola, ti consiglio di Controllare se tale compagnia è abilitata: per farlo ti basterà consultare l’Albo delle imprese italiane autorizzate dall’IVASS, dove troverai le società/imprese ammesse a operare in Italia in regime di stabilimento, ovvero con sede stabile o con autorizzazione ad esercitare la professione nel settore assicurativo in libera prestazione di servizi, ovvero senza una sede stabile. In secondo luogo è necessario consultare gli elenchi delle società assicurative ammesse ad operare in Italia (elenco I e II).

Per approfondimenti sull’affidabilità, è anche possibile contattare IVASS.

3. Cerca di capire quali sono le coperture da chiedere

È vero che la materia assicurativa è molto complicata e, a tal proposito, non ti chiedo di studiare, aggiornarti di continuo e diventare un bravo assicuratore, ma ti consiglio vivamente di cominciare a valutare cosa acquisti ogni anno e capire se effettivamente il prodotto da te acquistato è idoneo alle tue esigenze o meno.

Grazie a noi, alcuni dei nostri clienti hanno scoperto di pagare molti soldi in più per garanzie inutili o per le quali non avevano richiesto copertura assicurativa, tralasciandone altre molto più importanti.

4. Lascia che l’assicuratore faccia bene il suo lavoro

Compresi i primi 3 punti, è importante prendere coscienza del fatto che da solo non riuscirai mai ad individuare tutti i rischi ai quali sei esposto, quindi cerca di ascoltare e valutare i consigli del tuo intermediario assicurativo. Perché in questi casi la figura dell’assicuratore è fondamentale.

Diversamente rischi di sottovalutare alcuni aspetti importanti per la corretta gestione e protezione del patrimonio familiare e/o aziendale.

Info sull'autore

Natalino administrator

Mi chiamo Natalino Esposito, ho 33 anni e svolgo l’attività di consulente assicurativo da ben 15 anni.

Commenta