Archivio delle categorie Professionisti

Assicurazione professionale commercialisti: come funziona e cosa copre?

Il commercialista è una figura professionale legata a qualsiasi azienda, libero professionista e spesso anche i privati.

Tutti noi abbiamo la necessità di assumere un professionista capace di amministrare le nostre finanze. In virtù di questo, il commercialista si trova a dover amministrare le finanze dei propri clienti, cercando di evitare errori.

Rischi del commercialista

Nonostante la professionalità, competenza e attenzione che il commercialista può investire nel proprio lavoro, a volte l’errore è dietro l’angolo e non si riesce ad evitare. Ad esempio può capitare di non comunicare scadenze importanti ai propri clienti, oppure può accadere di inviare in tempo tardivo una particolare dichiarazione di redditi.

Tali errori producono effetti negativi sul cliente, che ovviamente girerà la responsabilità finale al proprio commercialista, il quale non potrà fare altro che rispondere in prima persona del danno arrecato.

Proteggi il tuo lavoro con le assicurazioni per commercialisti

Stipulare un’assicurazione professionale per commercialisti è la migliore soluzione per salvaguardare la propria attività e il proprio capitale.

Tali polizze assicurative sono rivolte a diverse tipologie di professionisti:

  • Dottori commercialisti
  • Società di EDP
  • Consulenti del lavoro
  • Contabili

Grazie a queste assicurazioni diventa possibile portare ai minimi termini i rischi professionali, salvaguardando in tal modo la propria posizione lavorativa. Inoltre è bene ricordare che, secondo l’art 5 del Dpr 137/2012, sottoscrivere una polizza assicurativa professionale per commercialisti è obbligatorio. Secondo la legge, per ogni commercialista, o società contabile, è obbligatorio essere assicurati, così come per altri professionisti, quali Architetti, Medici, Avvocati, Ingegneri, ecc…

Cosa copre la polizza professionale per commercialisti? Quanto costa?

Ogni polizza assicurativa è ovviamente diversa, diciamo che è possibile personalizzare i termini contrattuali in relazione alle proprie esigenze. Generalmente le garanzie offerte da queste tipologie di polizze riguardano l’attività ordinaria, le fusioni e acquisizioni, il perito del tribunale, le funzioni svolte davanti alle commissioni tributarie, ecc…

Per il costo della polizza professionale commercialisti, esso varia principalmente in relazione a 3 fattori:

  • Scelta del massimale
  • Retroattività della polizza
  • Franchigia prevista

Contattami adesso per saperne di più!

Assicurazioni online: quali sono i rischi?

Le polizze assicurative online hanno ormai preso piede da alcuni anni soprattutto dopo l’avvento di internet. Sono molto pratiche sia perché tu comodamente da casa, quindi senza spostarti, riesca a concludere un contratto ma soprattutto perché risultano molto più vantaggiose rispetto a quelle tradizionali.

La maggior parte degli italiani però non riesce però ancora a fidarsi al cento cento di questo nuovo mondo assicurativo, infatti preferiscono spesso quelle usuali in cui si può avere un contatto diretto con l’agenzia.

Naturalmente dovresti sempre ed in ogni caso prestare particolare attenzione alle truffe, non solo quelle online, perché altrimenti rischi di andare in giro in auto credendo di avere il veicolo assicurato quando in realtà non lo è. Con pò di ingegno e alcuni utili consigli riuscirai a capire quali compagnia faccia più al tuo caso.

Come affidarsi alle assicurazioni contratte online

Prima di iniziare devi sapere che prima di affidarti a delle compagnie internet dovrai controllare se sono registrate nel territorio italiano e leggere attentamente le condizioni contrattuali che ti vengono proposte.

Se decidessi infatti di contrarre una polizza assicurativa non iscritta in Italia, questo ti potrebbe portare ad avere dei problemi con la legge.

Compilando poi i vari campi proposti, dovrai inserire i dati prestando molta attenzione perché non solo ogni errore potrebbe far variare di molto il prezzo finale ma soprattutto rischi di assicurarti ad una compagnia non del tutto idonea e sicura.

Affidarsi a un consulente professionista

Di gran lunga conviene comunque sempre affidarsi solo ed esclusivamente ad un professionista nella stipulazione delle polizze assicurative per non dover perdere tempo ma soprattutto denaro. Inoltre, parlando di persona con il proprio consulente, diventa possibile rintracciare il tipo di polizza che fa al proprio caso; un contratto assicurativo cucito su misura delle tue esigenze.

Sei un libero professionista? Scopri come tutelare il tuo lavoro grazie alle polizze assicurative malattia e infortunio per partita IVA

Se sei un libero professionista, sarai certamente conscio del fatto che il principale vantaggio del tuo lavoro autonomo ruota tutto attorno alla totale gestione del tempo.

Eppure, a fronte di incidenti, può essere alquanto problematica analizzare la situazione dell’assenza forzata dal lavoro.

Per fortuna, esiste un’assicurazione per i lavoratori autonomi.

Come funziona l’assicurazione per i liberi professionisti a fronte di assenza forzata sul lavoro?

Vi sono tutta una serie di soluzioni che ti consentono di tutelare te stesso e la tua attività lavorativa: svariate compagnie assicurative, infatti, propongono polizze che proteggono tutti gli affari dei lavoratori autonomi e ogni situazione critica che può sopraggiungere. Fra queste rientrano ad esempio le coperture per gli incidenti sul posto di lavoro che causano invalidità, permanente o temporanea che sia.

Lavoratori autonomi e liberi professionisti possono contare su una miriade di servizi volti ad accompagnarli nella vita lavorativa quotidiana, assicurando totale tranquillità e massimo sostegno a fronte di casi di necessità.

Come? Numerose polizze assicurano copertura totale, dando i contributi necessari per l’accesso alle cure sanitarie. Fra queste rientra la diaria in situazioni di infortunio, dove la convalescenza risulta particolarmente lunga, come ad esempio la necessità di doversi sottoporre a sessioni di fisioterapia o ancora il dover portare il gesso.

È sempre opportuno proteggersi per godersi al meglio il tempo libero nella più totale sicurezza

L’opportunità di poter lavorare alle proprie idee nella massima libertà, la gioia di vederle concretizzate, l’autonomia di poter prendere decisioni senza rendere conto a molti ma solo a pochi (a differenza del lavoro dipendente) e lo spirito auto imprenditoriale sono i valori alla base dei liberi professionisti che costituiscono una fetta pari grosso modo ad ¼ del tessuto economico nazionale.

Pensare alle tutele personali è estremamente importante. E le polizze assicurative per malattia e infortunio salvaguardano al meglio l’attività lavorativa per tutti i possessori di Partita IVA.

Assicurazione Magistrati: come e perché proteggersi

Stipulare un contratto di assicurazione è importante

Una domanda che spesso ricorre è la seguente: perché devi assicurarti?

Tante possono essere le risposte attendibili. Una in particolare prevale sulle altre.

In generale, è importante stipulare un contratto di assicurazione, soprattutto per una persona fisica, vuoi per tutelarti in caso di eventi imprevedibili (caduta accidentale, sinistro, infortunio sul lavoro, ecc) e vuoi per tutelare la tua attività lavorativa in caso di colpa grave, negligenza, imprudenza ed imperizia. In difetto, la tua vita può essere subordinata in modo sfavorevole (richieste di risarcimento danni che possono compromettere in modo importante la tua sfera economica e patrimoniale).

Svolgi la professione di magistrato e non sei ancora assicurato?

Male. Ci sono tante conseguenze negative qualora non fossi assicurato.
Ecco il perché!

Nel rispetto delle recenti pronunce della Corte Costituzionale, il magistrato, a differenza di quanto accadeva in passato, risponde per “dolo” e “colpa grave” e “per diniego di giustizia”.

In pratica sono stati eliminati i punti di “criticità” che la “legge Vassalli” aveva posto in essere. Questi caratteri di rilievo afferenti la disciplina della responsabilità civile, per come si è attualmente e recentemente cristallizzata, dovrebbero farti riflettere, soprattutto per il tuo lavoro così delicato e difficile che ricopri nella società.

Costa molto assicurarsi?

Per rispondere a questa delicata domanda è necessario distinguere due casi:

  • una polizza prevista dalla “riforma sulle professioni“. In questo caso il libero professionista redige un apposito contratto per i professionisti, tramite “convenzioni collettive” previste dal proprio “Consiglio dell’ ordine di appartenenza“;
  • una polizza personalizzata. In questa ipotesi, il professionista stipula un contratto di assicurazione autonomamente, con una compagnia di assicurazione di fiducia e riconosciuta a livello nazionale, in grado di tutelare l’assicurato per la responsabilità civile nell’ambito dell’ esecuzione della propria attività lavorativa.

E’ bene farti presente che sia nella prima ipotesi che nella seconda, i prezzi che le compagnie di assicurazione applicano sono modesti, anche qualora la somma assicurata sia importante.

Non trovi il tempo per assicurarti?

Non è un problema. Contattami adesso! 😉

Scrivimi

Assicurazioni per liberi professionisti: proteggi il tuo lavoro e il tuo futuro

Essere un libero professionista

Medici, avvocati, ma anche ingegneri, amministratori di condominio e geometri, solo per citarne alcuni, sono costantemente impegnati a districarsi fra varie problematiche che minano alla base la stessa sopravvivenza dell’attività. I rischi non sono legati soltanto alle richieste di risarcimento per danni occorsi a terzi, ma anche dettati dal mancato guadagno per ricovero o malattia.

Un lavoratore dipendente ha una protezione sociale, il professionista che non esercita, invece, non avrà alcun tipo di introito; un rischio che si deve mitigare con un’assicurazione dedicata.

Le assicurazioni derivanti da rischi professionali

Crescono costantemente le liti derivanti da responsabilità professionali e le richieste di risarcimento danni connesse e, di pari passo sono cresciuti i costi assicurativi.

I vari ordini hanno convenzioni dedicate alla singola professione, ma, affidandoti a un consulente assicurativo esperto, potrai trovare interessanti offerte.

Ad esempio per te, che vuoi una copertura completa e anche la possibilità di ammortizzare nel tempo le spese, esiste molte offerte assicurative da poter prendere in considerazione.
Interessanti perché ti consentono di pagare il premio in rate mensili a tasso zero, interessanti perché le coperture hanno efficacia retroattiva di tre anni rispetto alla data di pagamento del premio e perché forniscono sia un’assistenza legale dedicata, che non ti obbliga alla scelta del professionista della Compagnia, sia un anticipo di indennizzo, per affrontare nell’immediatezza le eventuali spese di emergenza. Tutti i massimali sono costruiti su misura del professionista.

Assicurare la propria inattività

Un ricovero ospedaliero o una malattia che comporta una lunga inattività sono un ulteriore rischio per il professionista. Per farvi fronte, il consiglio è di abbinare all’assicurazione da rischi professionali anche un’assicurazione sanitaria dedicata.

Le polizze possono pagarti una diaria giornaliera di ricovero, un indennizzo per invalidità permanente o morte o anche una diaria da gesso.

Ci sono, anche in questo caso, numerose combinazioni che possono adattarsi con estrema semplicità alle esigenze del professionista, con una spesa annuale che parte, mediamente, da circa 600 euro e che può crescere, aumentando i massimali o aggiungendo ulteriori garanzie, fra cui il rimborso di spese derivanti da interventi chirurgici all’estero, fino a qualche migliaia di euro.

Ma quel che conta è prendere consapevolezza anche di questa forma di rischio e di queste forme di mitigazione assicurativa.

Per qualsiasi informazione non esitare a contattarmi 😉

SCRIVIMI

Assicurazione Avvocati: dall’11 ottobre scatta l’obbligo per legge

Il prossimo 11 ottobre entrerà in vigore il Decreto Ministeriale della Giustizia (22 settembre 2016), secondo il quale ogni avvocato dovrà stipulare un’assicurazione professionale e comunicare ad ogni clienti i dati relativi l’identificazione della polizza. La pena per l’inadempienza a questa norma, sarà rappresentata dalla cancellazione dall’albo professionale.

Per tutti gli avvocati che già sono in possesso di una polizza assicurativa, dovranno adeguarla alle nuove normative, figlie della Riforma forense del 2012.

Quanto costa la nuova polizza assicurativa per gli avvocati?

Il costo della nuova assicurazione professionale per gli avvocati, si baserà sul fatturato annuale dichiarato dall’assicurato, dal massimale della polizza, dal numero di collaboratori e dalle garanzie accessorie che verranno scelte al momento della stipula contrattuale.

Ricorda che però il massimo risarcibile non potrà superare i 10 milioni di euro.

Assicurazione Avvocati: la Responsabilità Civile

La nuova polizza assicurativa per gli avvocati dovrà necessariamente coprire la responsabilità civile dell’avvocato per qualsiasi danno, sia patrimoniali, che non, siano essi temporanei o permanenti, causati agli stessi clienti o a terzi. Inoltre dovranno essere coperti anche tutti i danni conseguenti attività particolari come la custodia di documenti, soldi o altri oggetti più o meno di valore, ricevuti in custodia dal cliente.

Infine, l’assicurazione avvocati dovrà essere in grado di coprire ogni danno causato da ogni collaboratore, praticante o dipendente dello studio legale.

Assicurazione Avvocati: gli infortuni

La nuova legge prevede anche una copertura contro gli infortuni, da implementare nel contratto assicurativo per gli avvocati. Tale copertura farà riferimento a tutte le tipologie d’infortunio che causeranno morte, invalidità temporanea o permanente e spese mediche per l’avvocato o uno dei suoi collaboratori. Gli infortuni potrebbero verificarsi anche fuori dallo studio legale.

In caso di morte o invalidità permanente la somma minima sarà 100mila euro, mentre in caso d’invalidità temporanea, tale somma sarà 50 euro per la diaria giornaliera.

Non esitare a contattarmi per maggiori informazioni o preventivi senza impegno

Scrivimi

Sei un ingegnere iscritto all’albo? Scopri l’assicurazione RC a te dedicata!

L’ingegnere rappresenta una di quelle professioni per le quali è possibile iscriversi ad un albo (o ordine). Tale iscrizione può essere convalidata solo se si è in possesso del titolo di laurea e del superamento dell’esame di stato, volto all’ottenimento dell’abilitazione professionale.

Se sei in possesso di tali requisiti, per iscriverti all’ordine degli ingegneri, ti basterà presentare una corretta domanda e pagare la tassa d’iscrizione per le Concessioni Governative.

Dal 13 agosto 2013 è diventato obbligatorio per ogni ingegnere iscritto all’Ordine, stipulare una polizza a copertura della Responsabilità Civile Professionale (D.p.r. 137/2012 del 7 agosto 2012)

Perché la RC Professionale per gli ingegneri?

Stipulando la polizza RC professionale, ogni ingegnere sarà tutelato da eventuali errori o negligenze commesse durante lo svolgimento di una qualsiasi attività lavorativa. Ad esempio, salvaguarderai le perdite derivanti da ingenti richieste di risarcimento e corpose spese legali.

L’assicurazione ti coprirà anche a seguito di errori comuni a molti ingegneri, anche i più esperti, come ad esempio il calcolo errato dell’altezza di un pilastro, eventuali mancanze derivanti da una non perfetta direzione dei lavori o mancato rispetto di alcune disposizione in merito alla sicurezza sul luogo di lavoro.

Come funzionano i risarcimenti della polizza per ingegneri?

Per richiedere un risarcimento, è molto importante studiare il tempo di retroattività della singola polizza.

L’assicurazione non ti risarcirà per richieste avanzate dopo la conclusione del periodo attivo della polizza, anche nel caso in cui si faccia riferimento a situazioni avvenute durante il periodo di validità del contratto di assicurazione.

Di norma la retroattività presente nella polizza RC per ingegneri è di 2 anni, ma è possibile ampliare tale termine fino a 10 anni.

Quali sono i soggetti assicurati dalla polizza?

L’assicurazione RC per ingegneri copre il singolo libero professionista. Nel caso in cui l’assicurazione venga stipulata da uno studio associato, allora tutti i collaboratori e soci saranno assicurati, ma solo durante le attività svolte per conto di tale Studio Associato.